22-24 Novembre 2019 “Antonio Canova, il nuovo Fidia” . Roma (Tour Guidato)

canovaromapalazzobraschi

Venerdì 22 Novembre  
Incontro, in mattinata, dei partecipanti con l’accompagnatore in aeroporto e partenza con volo diretto per Roma Fiumicino. All’arrivo trasferimento con bus privato verso l’hotel in zona centrale, sistemazione nelle camere riservate. Pranzo libero.  Nel pomeriggio incontro con la nostra guida e visita alla mostra  “Antonio Canova. Eterna bellezza”  a Palazzo Braschi.
Una mostra-evento incentrata sul legame tra Antonio Canova e la città di Roma, con oltre 170 opere e prestigiosi prestiti da importanti Musei e collezioni italiane e straniere.  Incorniciati all’interno di un allestimento dall’eccezionale effetto scenografico, oltre 170 opere di Canova e artisti a lui coevi animano le sale del Museo di Roma in Palazzo Braschi: in uno spettacolare gioco di luci e ombre, tra eleganti movenze , l’esposizione capitolina racconterà in 13 sezioni l’arte canoviana e il contesto che lo scultore trovò giungendo nell’Urbe nel 1779. Al termine cena in ristorante, rientro libero in hotel e pernottamento.

Sabato 23 Novembre
Prima colazione in hotel e partenza, con mezzi pubblici, alla volta degli studi cinematografici di Cinecittà.  Attraverso le scenografie, i costumi, gli oggetti di scena, i filmati e le fotografie d’epoca viene raccontata la storia di Cinecittà e delle produzioni cinematografiche che l’hanno resa famosa dal 1937 ad oggi. Abbiamo lavorato per condividere con il pubblico la bellezza di questo luogo e l’importanza del lavoro che vi si svolge, rendendo il soggiorno all’interno degli Studios interessante e al tempo stesso piacevole, alternando momenti di approfondimento sui temi del cinema a momenti di relax negli spazi verdi. Cinecittà è composta da 19 teatri di posa interni e da molti altri set all’aperto che vengono allestiti temporaneamente per produzioni cinematografiche e televisive. Tre sono i grandi set permanenti visitabili tutti i giorni con guide specializzate: Il set di Roma Antica – costruito per la serie tv della HBO Rome – è uno dei set più grandi di Cinecittà e si espande per quattro ettari; Il set de Il Tempio di Gerusalemme è stato realizzato da Francesco Frigeri, già scenografo in The passion di Mel Gibson,  per il film The Young Messiah del 2016 diretto da Cyrus Nowrasteh; Il set di Firenze del Quattrocento nasce inizialmente per la serie televisiva  italiana Francesco del 2002 di Michele Soavi con protagonista Raoul Bova e viene realizzato dallo scenografo Marco Dentici. Al termine, con mezzi pubblici, rientro in hotel e pranzo libero. Nel pomeriggio, con mezzi pubblici, trasferimento al MAXXI, progettato dall’architetto Zaha Hadid e gestito dall’omonima fondazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è diviso in due sezioni: MAXXI arte e MAXXI architettura.
Il MAXXI architettura è il primo museo nazionale di architettura presente in Italia. Il suo interesse è centrato tanto sull’architettura “d’autore” quanto su quella cosiddetta “anonima”. Nel museo convivono due anime distinte, quella che procede verso la storicizzazione dell’architettura del XX secolo e quella contemporanea che vuole rispondere agli interrogativi del presente, interpretando le aspettative della società attuale. museo storico e museo contemporaneo, pur possedendo caratteri e prospettive di sviluppo decisamente distinte, determinano una dimensione multipla e trasversale.
Il MAXXI Arte
include opere di Alighiero BoettiWilliam KentridgeKara WalkerEd RuschaGilbert & GeorgeGino De DominicisMichael RaedeckerAnish KapoorGerhard RichterMaurizio NannucciFrancesco ClementeLara FavarettoMarlene DumasMaurizio Cattelan e altri. Al termine, rientro con mezzi pubblici, in hotel, cena libera e pernottamento.

Domenica 24 Novembre
Prima colazione in hotel e trasferimento, con mezzi pubblici, verso Villa Torlonia, la più recente delle ville nobiliari romane, conserva ancora un particolare fascino dovuto all’originalità del giardino paesistico all’inglese, uno dei pochi esempi a Roma, e alla ricca, e inaspettata quantità di edifici ed arredi artistici disseminati nel parco.
La Casina delle Civette, dimora del principe Giovanni Torlonia jr. fino al 1938, anno dopo la sua morte, è il risultato di una serie di trasformazioni e aggiunte apportate alla ottocentesca Capanna Svizzera che, collocata ai bordi del parco e nascosta da una collinetta artificiale, costituiva in origine un luogo di evasione rispetto all’ufficialità della residenza principale.
Ideata nel 1840 da Giuseppe Jappelli su commissione del principe Alessandro Torlonia, si presentava come un manufatto rustico con paramenti esterni a bugne di tufo ed interno dipinto a tempera ad imitazione di rocce e tavolati di legno.  Giovanni Torlonia, nel 1797, acquistò la Vigna Colonna, situata lungo la via Nomentana e incaricò Giuseppe Valadier, di rendere più fastosi e monumentali gli edifici ed il parco. Questi, tra il 1802 e il 1806 eseguì i lavori di ristrutturazione e ampliamento del Casino Nobile inglobando la vecchia struttura e aggiungendovi avancorpi, porticati ed ariose terrazze. Pranzo in ristorante.
Nel pomeriggio visita guidata alla  Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini, nasce ufficialmente nel 1893, dopo che alla collezione donata allo Stato dieci anni prima dal principe Corsini, si era aggiunta nel 1892 la Collezione Torlonia e negli anni successivi le collezioni Chigi, Hertz, Monte di Pietà ed altre.  La collezione è ricca di capolavori in particolare dei secoli XVI e XVII. La raccolta comprende dipinti dal secolo XII, come l’immagine della Vergine e Cristo proveniente da Santa Maria in Campo Marzio, prosegue con alcune croci del XIII secolo, e dipinti di scuola giottesca. Tra le opere del secolo XV, spicca il meraviglioso dipinto di Filippo Lippi, la Madonna in trono con Bambino datato 1437, proveniente da Corneto Tarquinia; è inoltre rappresentato un panorama dell’arte laziale dello stesso periodo.  Più consistente il nucleo dei dipinti del XVI secolo, fra i quali la Fornarina, il celeberrimo ritratto che Raffaello fece dell’amata e opere di Andrea del Sarto, Beccafumi, Sodoma, Bronzino, Lotto, Tintoretto, Tiziano, El Greco, per arrivare alla fine del ‘500 con la splendida Giuditta che taglia la testa ad Oloferne di Caravaggio.
Il Seicento è rappresentato da opere di Reni, Domenichino, Guercino, Lanfranco, Bernini, Poussin, Pietro da Cortona e Gaulli. Al termine trasferimento con bus privato verso l’aeroporto di Fiumicino, disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con volo diretto per Catania.

   ATTENZIONE: IL PROGRAMMA POTREBBE SUBIRE VARIAZIONI

                               MINIMO 15 PARTECIPANTI


Quota di partecipazione                €   395,00 SOCI ( € 415,00 non soci )               
Assicurazione Medico Bagaglio          €   12,00
Quota gestione pratica                   €   15,00
Tasse Aeroportuali                        €   70,00
Supplemento singola                      €   60,00

La quota comprende:  Volo da Catania con bagaglio a mano; Accompagnatore Tci da Catania; Hotel 3 stelle con prima colazione; Trasporto in Bus Gt; Biglietti per  mezzi pubblici; un pranzo ed una cena come da programma; Guida locale.

La quota non comprende
Ingressi, mance e quant’altro non esplicitamente indicato alla voce “la quota comprende”.