25 – 28 Gennaio 2018 ” Vicenza. Tra Palladio e Van Gogh ” – Vicenza, Verona, Ville Palladiane e Soave ( Tour Guidato )

vicenza copia

Giovedì 25 Gennaio  -   Verona

In mattinata incontro dei partecipanti presso l’aeroporto di Catania dove ci sarà il ritrovo con l’accompagnatore, disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con volo diretto per Verona.  (h. 09:20)
All’arrivo, sistemazione nel bus riservato e trasferimento in hotel a Verona, sistemazione nelle camere riservate e tempo  per pranzo libero. Nel pomeriggio inizio della visita della città. Distesa tra le due anse dell’Adige, Verona è una città bellissima. Per accorgersene basta camminare per le sue strade che conducono a splendidi monumenti. La nostra visita inizia da Piazza Bra, centro della scena veronese e relativamente recente, essendo stata riqualificata tra il 1770 e metà dell’800 periodo in cui venne sistemato il listòn, l’elegante passeggio lastricato in marmo rosa. Monumento simbolo della città è l’Arena (interni), anfiteatro romano eretto nei primi decenni del I secolo a.C. Capace di ospitare fino a 25.000 persone, è sede di numerosi spettacoli grazie alla sua ottima acustica e ad un contesto di rara suggestione. La visita prosegue con la Porta dei Borsari, principale accesso alla città romana, di cui oggi rimane solo la scenografica facciata esterna, e con Corso dei Borsari, fino ad arrivare alla più antica piazza di Verona, Piazza delle Erbe, ancora oggi centro di socialità cittadina. Lungo il suo asse maggiore si allineano monumenti celebrativi della storia della città, come la Colonna del Mercato, la Fontana di Madonna Verona e la Colonna di San Marco.
Uno dei luoghi più suggestivi della città è sicuramente Piazza dei Signori, ritmata da archi di portici e  e su cui si affacciano tra gli altri il Palazzo della Ragione, il Palazzo del Capitanio e la Loggia del Consiglio. Al termine cena in ristorante e pernottamento.

 

Venerdì 26 Gennaio  -  Vicenza / Mostra Van Gogh / Verona

Prima colazione in hotel e partenza alla volta di Vicenza, città d’arte con capolavori di inconfondibile bellezza. E’ la città del Palladio e in questa chiave è stata dichiarata dall’Unesco fin dal 1994, Patrimonio culturale dell’Umanità. Accompagnati da una guida visiteremo il centro storico della città con Piazza Castello la cui pianta regolare è dovuta a varie trasformazioni; il Duomo (interni) , eretto sul sito di un’antica basilica del V secolo e trasformato nella chiesta attuale nel 1444 con l’introduzione di elementi tardo gotici; Piazza dei Signori, centro monumentale ma anche vitale della città, quasi certamente sito del Foro Romano, l’area corrisponde al medievale recinto del Peronio, cuore politico e sociale della Vicenza duecentesca, qui si trova la Basilica Palladiana, simbolo della città e geniale capolavoro Palladiano; Loggia del Capitaniato, l’edificio venne progettato dal Palladio nel 1565 che celebra la battaglia di Lepanto con le decorazioni di Lorenzo Rubini; Chiesa di Santa Corona (interni), di fondazione domenicana fu costruita nel 1261 per custodire la reliquia della Santa Spina donata da Luigi IX di Francia al vescovo di Vicenza, il cui interno gotico custodisce importanti opere d’arte; Teatro Olimpico (interni) ultima straordinaria opera del Palladio, iniziata nel 1580 e compiuta dal figlio Silla nel 1583. Pranzo libero.
Nel pomeriggio visita alla Mostra “ Tra il grano e il cielo “ eccezionale esposizione dedicata al maestro Vincent Van Gogh con oltre 100 opere dai musei di tutta Europa. Il percorso espositivo è un lungo e intenso viaggio all’interno di sfumature non solo cromatiche, opere magnetiche talvolta emotivamente disturbanti, ma comunque ipnotiche. Tra le più importanti opere presenti troveremo il “Vecchio che soffre“, “Il ponte di Langlois a Arles“ e “Campo di Papaveri“. Al termine rientro in hotel a Verona, cena in ristorante e pernottamento. 


Sabato 27 Gennaio   -  Ville Palladiane / Verona

Prima colazione in hotel e partenza alla volta di Malcontenta, vicino a Mira. Qui visiteremo Villa Foscari detta “ La Malcontenta” , l’unica villa del Palladio lungo la Riviera del Brenta. Tornata di proprietà della famiglia Foscari nel 1973, nel 1994 è stata segnalata come “Patrimonio dell’Umanità” dall’UNESCO. Villa Foscari si erge con maestosità con la facciata rivolta verso il fiume, in perfetto stile veneziano, ma e’arricchita da richiami classici del IV e V secolo D.C. ben noti al Palladio. Nel salone, gli affreschi mitologici allegorici sono di Gian Battista Zelotti (1526-1578): è dipinta la storia di Astrea (la figlia di Giove lasciata sulla terra) e la fine dei tempi d’oro, sulle pareti tra le colonne ioniche volute dal Palladio sono raffigurate le stagioni. Anche le stanze laterali sono state affrescate: Battista Franco, detto Semolei (circa 1510-1561), stimato dal Palladio e per il quale aveva già lavorato, cominciò a dipingere la Caduta dei Giganti ma morì prima di terminare l’opera. Pranzo in ristorante.
Nel pomeriggio ci trasferiremo alle porte di Vicenza per la visita di Villa Almerico Capra detta “ La Rotonda “ . Nei secoli è stata visitata da poeti ed artisti, regnanti e uomini di stato, studiosi e amanti dell’arte, viaggiatori e turisti. A tutti La Rotonda ha donato un’emozione indimenticabile, quel senso di armonia e grazia a cui si risponde con un sorriso, con un silenzio.
La più celebre villa del Palladio, conclusione della ricerca umanistica e rinascimentale per le valenze anche allegoriche dell’edificio a pianta centrale. Iniziata nel 1566, la villa era alla morte dell’architetto ancora incompiuta nella parte superiore. Stucchi di Bartolomeo Ridolfi e Lorenzo Rubini decorano l’interno; il salone centrale è affrescato da Lodovico Dorigny e nella cupola da Alessandro Maganza. Al termine rientro in hotel a Verona, cena in ristorante e pernottamento

.

Domenica 28 Gennaio  -  Soave / Verona / Catania

Prima colazione in hotel e, dopo il check out,  partenza alla volta di Soave, che prende il nome dal vino qui prodotto. Il borgo ricalca nella maglia viaria del nucleo storico, l’impianto del pagus romano sulla via Postumia, racchiuso dalle mura turrite del 1375. ll Castello Scaligero è il maggiore punto di richiamo del territorio. E’ probabile che il castello sia sorto su un antico fortilizio di origine romana. Il primo documento che ne testimonia l’esistenza è del 934, quando servivano fortificazioni per proteggere i centri abitati dalle invasioni delle popolazioni dell’Est europeo. Si tratta di una costruzione medievale che domina dalle pendici del Monte Tenda la pianura sottostante. Al castello appartengono il mastio, ventiquattro torri e le mura che vi girano attorno, formando tre cortili a differenti livelli e che infine abbracciano il borgo. Le mura furono costruite nel 1369 per volontà di Cansignorio della Scala e raccolgono al loro interno il nucleo storico di Soave. Per il lato ovest e quello sud) le mura sono accompagnate dal fossato naturale formato dal torrente Tramigna. Al termine rientro a Verona e pranzo libero. Nel pomeriggio trasferimento verso l’aeroporto, disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con volo diretto per Catania.

 

   N.B. Il programma potrebbe subire delle variazioni fermo restando il contenuto delle visite

                                           MINIMO 15 PARTECIPANTI

 

 

Quota di partecipazione                                                 €   659,00 SOCI ( € 679,00 non soci )           
Assicurazione Medico Bagaglio                                        €    12,00
Quota gestione pratica                                                  €     15,00
Tasse aeroportuali                                                       €     80,00

Supplemento singola                                                  €   130,00

 

La quota comprende
Volo diretto Catania / Verona / Catania con Volotea; Bagaglio a mano;  Trasporto in bus GT; Sistemazione in camere doppie hotel 4 * centrale; Servizio Guida ; Pasti come da programma;  Assicurazione Medico bagaglio, Accompagnatore da Catania; Ingressi

La quota non comprende
Tassa di soggiorno;  i pasti non menzionati; le mance e gli extra in genere e quant’altro non esplicitamente indicato alla voce “la quota comprende”.