6-8 Dicembre Calabria: Alla scoperta della costa viola ( visita guidata)

Pizzo-Calabro-castello-di-Gioacchino-Murat_03

Venerdi 06 Dicembre
Partenza da Catania con bus privato in direzione Messina da dove, in traghetto, raggiungeremo Villa San Giovanni. Prima tappa del nostro tour sarà il Monte Sant’Elia (582 slm)che farà da belvedere naturale ai luoghi che andremo a visitare. Il monte Sant’Elia è definito “il balcone sul mar Tirreno”. La vegetazione del monte è composta prevalentemente da pini marittimi e castagni ed il suo territorio rientra, nella sua totalità, nell’elenco delle Zone di Protezione Speciale e dei Siti di Interesse Comunitario della Regione Calabria. Fin da prima del X secolo, la montagna era rinomata per l’esistenza di alcuni conventi di monaci basiliani. L’unico luogo di culto della montagna è la Chiesa di Sant’Elia (1958), architettura moderna posta sulla sommità e costruita nell’area dove, fin dall’anno 884, vi furono edificati vari luoghi di culto con conventi annessi, tra i quali una chiesa costruita da Sant’Elia lo Juniore. Dopo aver goduto della vista sulla costa tirrenica ci sposteremo in un ristorante della zona per un tipico pranzo calabro. Dopo pranzo ci sposteremo al sito archeologico Romano di Taureana. Storicamente quest’area segnava il limite nord della chora tirrenica della colonia calcidese di Rhegio. Essa era contigua al centro coloniale di Metauros, fondato nel VII secolo a. C. nei pressi della foce del fiume omonimo, noto agli antichi per la pesca dei tonni. Il fiume costituiva un importante via di navigazione grazie alla quale il collegamento con le zone interne era assicurato. Al termine della visita ci recheremo in hotel, cena libera e pernottamento.

Sabato 07 Dicembre
Prima colazione in hotel e partenza alla volta del villaggio rupestre di Zungri. Nel territorio di quest’antico villaggio sono stati rinvenuti elementi che confermano l’insediamento di popolazioni nei periodi greci, romani oltre a tracce della presenza di un insediamento rupestre dei secoli XII e XIV secolo. Il nome del villaggio deriva dal greco e significa: “roccia, dirupi, tufi” tutti termini ben relazionati con la morfologia di questa località che si contraddistingue per la presenza di diverse grotte scavate nella roccia e collegate da cunicoli. Dopo la visita ci recheremo in un vicino agriturismo per un pranzo tipico calabro. Dopo pranzo proseguiremo la visita della suggestiva chiesa di Pedigrotta costruita interamente all’interno di una grotta in riva al mare con al suo interno statute e altare interamente ricavati dalla roccia. Lasciata la grotta saliremo a Pizzo per la visita del Castello di Murat, maniero della seconda metà del XV secolo in cui, nel 1815, fu imprigionato e condannato a morte per fucilazione il Re di Napoli Gioacchino Murat. Prima del rientro in hotel gusteremo il tradizionale tartufo di Pizzo. Rientro in hotel, cena libera e pernottamento.
Domenica 08 Dicembre
Dopo la colazione e il check out, in hotel, la mattinata sarà dedicata alla visita del Museo della Magna Grecia di Reggio Calabria all’interno del quale sono custoditi i famosi bronzi di Riace. All’interno del museo, su più piani, avremo modo di apprezzare numerosi reperti della Magna Grecia. Lasciato il museo la passeggiata proseguirà sino al Duomo della cittadina dello stretto. Pranzo in un ristorante del centro. Dopo pranzo tempo libero per una passeggiata sul lungomare di Reggio Calabria, definito il chilometro più bello d’Italia, disseminato dalle opere d’arte di Rabarama. Nel pomeriggio rientro a Catania dove l’arrivo è previsto per le ore 20:00 circa.

N.B. Il programma potrebbe subire delle variazioni fermo restando il contenuto delle visite

MINIMO 15 PARTECIPANTI

 

Quota di partecipazione                                € 409,00 SOCI ( € 419,00 Non Soci )

Supplemento doppia uso singola                  € 60,00

La quota comprende
Trasporto in bus GT,Sistemazione in hotel 4 Stelle in camere doppie,Trattamento mezza pensione come da programma, servizio guida, accompagnatore.
La quota non comprende
Tassa di soggiorno, Ingressi a monumenti e Mostre, le mance e gli extra in genere e quant’altro non esplicitamente indicato alla voce “la quota comprende”.