29 Settembre “Comiso e la Sagra della Vendemmia” (visita guidata)

comiso

UN PAESE NELL’ESTREMO LEMBO DELLA SICILIA ORIENTALE, CRESCIUTO SECOLO DOPO SECOLO AI PIEDI DEGLI IBLEI, NEL PUNTO IN CUI IL MONTE PERDE VIGORE E S’ARRENDE AI VIGNETI E AI SEMINATI DELLA PIANURA. LE CASE – NANE, TOZZE, MA LE RALLEGRA AGLI STIPITI UN’IMPROVVISA PERGOLA DI GELSOMINO – IN PARTE SALGONO VERSO I PRIMI CARRUBI DELLA COSTA; IN PARTE SI SPORGONO SUL GRETO DELL’IPPARI…” COSì DESCRIVE COMISO, GESUALDO BUFALINO, UNO DEI SUOI FIGLI ILLUSTRI, ACCANTO AL PITTORE SALVATORE FIUME. MOLTI E SIGNIFICATIVI SONO I DOCUMENTI DELLA SUA STORIA MILLENARIA: DAI RESTI DI UN EDIFICIO TERMALE ROMANO, CON BRANI DI MOSAICO PAVIMENTALE, ALL’ANTICO CASTELLO DEI CONTI, ALL’ANTICA CHIESA BASILIANA DI SAN BIAGIO, PATRONO DELLA CITTà, ALLA PARTICOLARE CAPPELLA-MAUSOLEO TARDOGOTICA DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO, PER ARRIVARE POI ALLA SETTECENTESCA CHIESA DELL’ ANNUNZIATA, CHE ACCOGLIE NEL PRESBITERIO DUE BELLE TELE DI SALVATORE FIUME, ALLA CHIESA MADRE – SANTA MARIA DELLE STELLE – PARZIALMENTE RICOSTRUITA DOPO IL TERREMOTO DEL 1693, E ALL’OTTOCENTESCO “MERCATO DEL PESCE”, OGGI SEDE DELLA FONDAZIONE BUFALINO. NEL POMERIGGIO VISITA ALLA 33° EDIZIONE DELLA SAGRA DELLA VENDEMMIA.